Messaggio
  • Informativa sull'uso dei Cookies

    Questo sito usa i cookies per la gestione dell'autenticazione, la navigazione ed altre funzioni oltre che cookie tecnici e di terze parti. Utilizzando questo sito sei consapevole ed accetti che potremmo porre questi tipi di file sul tuo device. Per maggiori informazioni leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookie dove sono specificate le modalita' per configurare o disattivare i cookie..

    Visualizza la direttiva

    Hai rifiutato cookie. Questa decisione puo' essere cambiata.

Incendi d'Interfaccia

Pianificazione di Protezione Civile per la mitigazione del Rischio incendi d’interfaccia

A seguito degli eventi calamitosi registrati nell’estate del 2007 il Presidente del Consiglio dei Ministri ha dichiarato lo Stato di Emergenza per le regioni dell’Italia meridionale colpite dagli incendi, ed ha emanato l’Ordinanza n. 3606/2007 - Disposizioni urgenti di protezione civile dirette a fronteggiare lo stato di emergenza in atto nei territori delle regioni Lazio, Campania, Puglia, Calabria e della regione Siciliana in relazione ad eventi calamitosi dovuti alla diffusione di incendi e fenomeni di combustione -.
L’Ordinanza ha previsto, tra l’altro, che i Sindaci predisponessero i Piani Comunali di Emergenza tenendo conto prioritariamente delle strutture maggiormente esposte al rischio di incendi di interfaccia anche sulla base del catasto dei soprassuoli già percorsi dal fuoco e degli indirizzi regionali. Lo Stato (DPC e Prefetture), la Regione (DRPC e Corpo forestale Regionale) e le Province, attraverso un notevole sforzo organizzativo, hanno supportato i Comuni nella rapida redazione dei Piani di Emergenza e nell’organizzazione di efficaci modelli d’intervento relativi al rischio incendi d’interfaccia.

Accedi al servizio

Approfondimenti: