Messaggio
  • Informativa sull'uso dei Cookies

    Questo sito usa i cookies per la gestione dell'autenticazione, la navigazione ed altre funzioni oltre che cookie tecnici e di terze parti. Utilizzando questo sito sei consapevole ed accetti che potremmo porre questi tipi di file sul tuo device. Per maggiori informazioni leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookie dove sono specificate le modalita' per configurare o disattivare i cookie..

    Visualizza la direttiva

    Hai rifiutato cookie. Questa decisione puo' essere cambiata.

OPCM 4007/2012

L’OPCM n. 4007 del 29/02/2012 disciplina i contributi per gli interventi di prevenzione del rischio sismico, previsti dall’Art. 11 della Legge n. 77 del 26/06/2009, relativamente ai fondi disponibili per l’annualità 2011.
Una quota dei suddetti contributi, così come già accaduto per l’annualità 2010 per effetto dell’OPCM 3907/2010, è destinata alla realizzazione di studi di microzonazione sismica nei Comuni in cui l'accelerazione massima al suolo “ag” sia superiore a 0,125g, attività questa fondamentale per una corretta ed efficace pianificazione di protezione civile riguardo il rischio sismico.
L’Ordinanza nello specifico prevede la realizzazione di studi di microzonazione sismica, almeno di Livello 1, con i contributi concessi alle Regioni ed agli Enti Locali nel limite delle risorse disponibili e previo cofinanziamento da parte degli stessi in misura non inferiore al 40% dei contributi medesimi.
Con Decreto del 16/03/2012 del Capo Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è stata disposta tra le Regioni la ripartizione delle risorse per l’annualità 2011 prevista dall’Art. 11 della Legge n. 77 del 24/06/2009. La quota del fondo destinata alla Regione Sicilia, relativamente agli studi di microzonazione sismica, prevista dall’Art. 2, Comma 1, lettera a) dell’Ordinanza in questione, ammonta a € 1.395.750,80.

Per una maggiore integrazione delle azioni finalizzate alla mitigazione del rischio sismico attraverso delle iniziative intese al miglioramento della gestione dell’emergenza, l’OPCM 4007/2012 introduce l’analisi della Condizione limite per l’emergenza (CLE) dell’insediamento urbano. Si definisce CLE dell’insediamento urbano quella condizione al cui superamento, a seguito del manifestarsi dell’evento sismico, pur in concomitanza con il verificarsi di danni fisici e funzionali tali da condurre all’interruzione delle quasi totalità delle funzioni urbane presenti, compresa la residenza, l’insediamento urbano conserva comunque, nel suo complesso, l’operatività della maggior parte delle funzioni strategiche per l’emergenza, la loro accessibilità e connessione con il contesto territoriale. Le Regioni che decidono di accompagnare gli studi di microzonazione sismica con l’analisi della CLE possono ridurre fino al 25% il contributo di cofinanziamento degli studi e contestualmente sarà aumentato il contributo statale nei limiti delle risorse destinate dall’OPCM 4007/2012 alle indagini di microzonazione sismica.

Normativa di riferimento:

OPCM n. 4007 del 29/02/2012, Allegati 1, 2, 3, 4, 5 e 67

Decreto 16/03/2012

Approfondimenti: