Messaggio
  • Informativa sull'uso dei Cookies

    Questo sito usa i cookies per la gestione dell'autenticazione, la navigazione ed altre funzioni oltre che cookie tecnici e di terze parti. Utilizzando questo sito sei consapevole ed accetti che potremmo porre questi tipi di file sul tuo device. Per maggiori informazioni leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookie dove sono specificate le modalita' per configurare o disattivare i cookie..

    Visualizza la direttiva

    Hai rifiutato cookie. Questa decisione puo' essere cambiata.

OCDPC 344/2016

L’OCDPC n. 344 del 09/05/2016 disciplina i contributi per gli interventi di prevenzione del rischio sismico, previsti dall’Art. 11 della Legge n. 77 del 26/06/2009, relativamente ai fondi disponibili per l’annualità 2015.
Una quota dei suddetti contributi, così come già accaduto per le annualità 2010, 2011, 2012, 2013 e 2014, è destinata alla realizzazione di studi di microzonazione sismica nei Comuni in cui l'accelerazione massima al suolo “ag” sia superiore a 0,125g, attività questa fondamentale per una corretta ed efficace pianificazione di protezione civile riguardo il rischio sismico.

L’Ordinanza nello specifico prevede la realizzazione di studi di microzonazione sismica da eseguirsi con le finalità definite negli Indirizzi e criteri per la microzonazione sismica approvati dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome il 13/11/2008, unitamente all'analisi della Condizione limite per l'emergenza - CLE. Tali studi potranno essere finanziati con i contributi concessi alle Regioni ed agli Enti Locali nel limite delle risorse disponibili e previo cofinanziamento da parte degli stessi in misura non inferiore al 25% del costo degli studi medesimi.

L'OCDPC n. 344, in modo simile alle ordinanze delle precedenti annualità, regola le modalità di finanziamento degli interventi e prosegue nello sviluppo di quelle azioni che in passato sono state marginalmente, o mai, toccate da specifici provvedimenti. Oltre agli studi di microzonazione sismica, infatti, l'ordinanza prevede interventi sull’edilizia privata e sulle strutture e infrastrutture cittadine di particolare importanza per i piani di protezione civile, limitando gli interventi alle zone a più elevata pericolosità sismica e alle strutture più vulnerabili.
Con Decreto del 21/06/2016 del Capo Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è stata disposta tra le Regioni la ripartizione delle risorse per l’annualità 2015 prevista dall’Art. 11 della Legge n. 77 del 24/06/2009. La quota del fondo destinata alla Regione Sicilia, relativamente agli studi di microzonazione sismica, prevista dall’Art. 2, Comma 1, lettera a) dell’Ordinanza in questione, ammonta a € 2.233.201,27.

Normativa di riferimento:

OCDPC n. 344 del 09/05/2016, Allegati 12345, 6, 7, 89 (9 a colori).

Decreto 21/06/2016

Approfondimenti: